Vestirsi al buio: Sookie Stackhouse in True Blood

Dopo Aria Montgomery di Pretty Little Liars e Serena Van Der Woodsen di Gossip Girl, è tempo di proseguire con la terza eroina delle serie da guardare solo per il LOL: Sookie Stackhouse, la protagonista di True Blood. Se la serie ha dalla sua parte alcune premesse che renderebbero impossibile avere personaggi vestiti decentemente (profonda provincia nel profondo sud dell’America, classe media), infatti, sembra che anche la povera Anna Paquin sia vittima di un gusto disgraziato della sua costumista.

Sookie, a chiunque le chieda what are you? dalla prima stagione alla terza, risponde “I’m a waitress”.
E come vestire una cameriera, se non con una maglietta strettissima e bianca?

In più, all’inizio della serie, è troppo spaventata dal suo potere di telepate per avvicinarsi agli uomini, quindi riassumendo è una vergine casta e pura, cameriera e provincialotta. Il suo abbigliamento da poraccia perciò potrebbe essere anche piuttosto in-carachter. Ma anche la tv ha le sue regole di coerenza, e la protagonista di una serie non dovrebbe essere una che sembra ridicola in ogni secondo del suo screentime.

no, questo non è un pigiama.

Tranne in un paio di scene in notturna in cui è in jeans e giubbottino (casualmente, perché considerando il numero di notti in cui è in giro in mutande-canottiera-camicia da notte, e le corse nei cimiteri a piedi nudi, non deve fare un gran freddo neanche di notte da quelle parti), Sookie non è mai coperta: o è in maniche corte

o in gonne microscopiche:

Non si migliora granché neanche con le maniche lunghe:

LE SCARPE SONO IN TINTA CON LA FELPA.

Non ci sarebbe nulla di male se non fosse che i capi in sé sono scelti tra fantasie a fiorellini e felpette a cuoricini o pois da scuola superiore, che danno allo stile di Sookie un carattere troppo adolescente e accentuano il senso del ridicolo addosso a un’attrice che ha trent’anni e interpreta una ragazza di 24-25 anni.
Va bene dare l’idea che un certo personaggio si vesta con le cose del mercato, ma fino a un certo punto.

Quando però si prova a dare a Sookie un senso del gusto e una sorta di minima ricercatezza nel vestire per le occasioni importanti, si alternano l’effetto quarantenne (specie nei capelli) e l’effetto arrivo giusto adesso dalla spiaggia:

qui anche il vampiro Bill, parafrasando, le dice "ma come ti sei vestita?"

Un commento della costumista Audrey Fisher: I loved those Season 2 scenes when Sookie went to Dallas with Bill, their first big trip together, with all her special travel outfits, from the yellow rose cardigan with gingham skirt to her festive red-handkerchief halter dress… She was cute as a button, a wide-eyed, flirty small town girl stepping out with her handsome Vampire Bill.
Ma vediamo questo moto d’orgoglio più nel dettaglio:

Come se una che normalmente va in giro in scarpe da tennis o a piedi nudi, si mettesse i tacchi per viaggiare.

Invece Sookie si mette giù da gara quando sogna di fare sesso con un gran figo, quindi anche se i suoi vestiti sono sempre buttati a caso, immaginiamo che sotto ci sia sempre della lingerie da tigre del letto:

Io, qui in Italia, da una lontana città dove fanno la moda, capisco i limiti di un’ambientazione provinciale e ristretta come la cittadina di Bon Temps dove si svolgono le avventure di Sookie, ma è legittimo immaginare che da quelle parti non arrivi neanche una rivista in zona? Nel complesso il look disgraziato di Sookie non stona con il resto del cast (gli uomini sono un filo più decenti, ma dovessi vestire i due vampiri protagonisti, anch’io perderei più tempo nelle loro prove costume) e non è una distrazione esagerata come Aria Montgomery in Pretty Little Liars, ma trovo che sia un po’ avvilente.
Anche se la serie la si guarda per il LOL.

va bene, ok, questa era fatta apposta, WELL DONE.

le immagini e il video © 2008-2012 HBO

About these ads

8 thoughts on “Vestirsi al buio: Sookie Stackhouse in True Blood

  1. beh, devo dire che nell’ultima stagione, qualche sforzo in più l’hanno fatto per non farla sembrare una cretina. Nell’episodio del funerale del soldato marito dell’amica cameriera le hanno fatto mettere un tubino nero in pizzo molto bello, chignon laterale e tacchi a spillo…che però si è subito tolta al cimitero per andare in giro a piedi nudi…ovvio!

  2. in realtà i costumisti non c’entrano nulla :) ricalcano solo le disposizioni dell’autrice dei libri charlaine harris che ha volutamente vestito sookie in tal modo per caricaturizzare il profondo sud.
    è un peccato che alan ball abbia modificato di molto la trama tagliando le occasioni in cui sookie viene fatta vestire in maniera normale…

tu che ne pensi?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s