Chi ha vinto, chi vince – un riassuntone sui premi

r1

(un post con le figurine)

Domani ci sono le premiazioni degli Oscar! Sappiamo tutti che non saranno divertenti come i Golden Globes dove si ubriacano tutti, e che a me personalmente l’Academy sta antipatica perchè sembra pensare che i costumi notevoli siano solo nei film d’epoca e che nei film contemporanei non ci sia nessun tipo di lavoro, ma rimane il premio più prestigioso, e che tra Sanremo e canale 5 che mette in onda la Grande Bellezza in anticipo di mesi probabilmente Sorrentino ha passato l’ultimo mese a fare gesti scaramantici, ma tant’è- per prepararvi, un riassuntone di chi cosa perchè e di cos’è successo altrove.

Oscar nominees – Best Costume Design
r1

“American Hustle” – Micheal Wilkinson
“12 anni schiavo” – Patricia Norris
“The invisible woman” – Michael O’Connor
“The Great Gatsby” – Catherine Martin
“The Grandmaster” – William Chang Suk Ping

Chi manca tra le nomination:
Lasciando stare i contemporanei, se deve essere roba fantasy o d’epoca mancano A Royal Affair o Catching Fire.
r2 Chi vorrei vincesse: 12 anni schiavo, perchè la carriera di Patricia Norris si merita un Oscar
Chi vincerà secondo me: The Great Gatsby, inevitabilmente.

Oscar Nominees – Best Makeup and hairstyling:

r3 Dallas Buyers Club (Adruitha Lee and Robin Mathews)
Jackass Presents: Bad Granpa (Adruitha Lee and Robin Mathews)
The Lone Ranger (Joel Harlow and Gloria Pasqua-Casny)

Chi manca tra le nomination:
Bizzarra questa cosa che ne abbiano nominati solo tre, American Hustle per esempio qui ci stava bene, ma anche boh, che so, The Wolf Of Wall Street? Lo Hobbit?
r4Però comunque
Chi vorrei vincesse:
Dallas Buyers Club, senza dubbio.
Chi vincerà secondo me:
Ma voglio sperare, Dallas Buyers Club.

Intanto, in altre parti del mondo: i Bafta, il 16 febbraio

BAFTA Costume Design in 2014
Le nomination:
r5The Great Gatsby (Catherine Martin)
American Hustle (Michael Wilkinson)
Behind the Candelabra (Ellen Mironjick)
The invisible woman (Michael O’Connor)
Saving Mr. Banks (Daniel Orlandi)

Chi mi sarebbe piaciuto vedere tra le nominations:
Bè, un sacco di altra gente, ma soprattutto 12 anni schiavo e Catching Fire.
Chi avrei voluto vincesse:
Non ho visto Behind the Candelabra né The invisible Woman, anche se Michael O’Connor è abbastanza una garanzia, di American Hustle ho già parlato e mi è piaciuta parecchio anche l’austerità dei completi di panno di Emma Thompson in Saving Mr. Banks, ma un premio è un premio e se avessi scelto io tra questi cinque, direi che anch’io avrei fatto vincere Martin, infatti
Chi ha vinto: The Great Gatsby
Catherine Martin ha vinto anche per la scenografia. Che dire, complimenti. A me per quanto caciarone e esagerato il gusto della coppia Luhrmann/Martin piace dai tempi di Romeo e Juliet, quindi niente da dire.

BAFTA Make-up and Hair in 2014
Le nomination:
r6American Hustle (Evelyne Noraz, Lori McCoy-Bell, Kathrine Gordon)
Behind The Candelabra (Kate Biscoe, Marie Larkin)
The Butler (Debra Denson, Candace Neal, Robert Stevenson, Matthew Mungle)
The Great Gatsby (Maurizio Silvi, Kerry Warn)
The Hobbit: The Desolation Of Smaug (Peter Swords King, Richard Taylor, Rick Findlater)

Chi mi sarebbe piaciuto vedere tra le nomination:

guerra di pallore: fa più impressione Jared malato di AIDS o Tilda vampira?
guerra di pallore: fa più impressione Jared malato di AIDS o Tilda vampira?

Dallas Buyers Club, Only Lovers Left Alive
Chi avrei voluto vincesse: Tra quei cinque lì, American Hustle mi sembra una scelta un po’ scontata, ma onesta: in Gatsby il trucco e parrucco non si faceva notare abbastanza in mezzo alle paillettes, e the Hobbit andrebbe premiato per gli effetti speciali, probabilmente.
Chi ha vinto: American Hustle.

Ma veniamo ai premi che contano, votati dalla gente che fa il mio mestiere: i Costume Designers Guild Awards, dove le categorie sono distinte e riconoscono l’eccellenza in lavori diversi con premi diversi. Capisco che aggiungere una categoria di premi sia complicato, ma non mi spiego perchè per esempio l’Academy non abbia una categoria “best musical”, figuriamoci se mi aspetto ne mettano una per i costumi contemporanei o distinguano tra trucco e parrucco e trucco speciale. Ma dicevamo, i CDG Awards, premiati il 22 febbraio. Amy Adams ha vinto un premio onorario e ci è andata con un vestitone (di nuovo senza reggiseno, suppongo)

CDGA – EXCELLENCE IN CONTEMPORARY FILM
r8

“Blue Jasmine” – Suzy Benzinger
“Her” – Casey Storm
“Nebraska” – Wendy Chuck
“Philomena” – Consolata Boyle
“The Secret Life of Walter Mitty” – Sarah Edwards

Chi avrei voluto vedere tra le nomination: a parte che non mi spiego la presenza di Nebraska (ma non me la spiego in nessuna categoria in cui sia stato nominato per dei premi) e i costumi di Philomena non mi hanno impressionato più di tanto, direi che le nomination ci stanno tutte.
Chi avrei voluto vincesse: Her, o Blue Jasmine e quella torturata giacca di Chanel.
Chi ha vinto: Blue Jasmine. Evviva.

CDGA – EXCELLENCE IN PERIOD FILM
r9

“12 Years a Slave” – Patricia Norris
“American Hustle” – Michael Wilkinson
“Dallas Buyers Club” – Kurt & Bart
“The Great Gatsby” – Catherine Martin
“Saving Mr. Banks” – Daniel Orlandi

Chi avrei voluto vedere tra le nomination: vi faccio notare che The Grandmaster e The invisible Woman, che sono nominati per l’Oscar, non sono stati nemmeno selezionati in un premio dove c’è una categoria apposta per i film d’epoca; e che per period i costumisti intendono esattamente tutto ciò che non è contemporaneo, quindi anche Dallas Buyers Club rientra qui. Ci avrei messo anche The Wolf of Wall Street, tò, e Inside Llewin Davis, oltre che A Royal Affair.
r10 Chi avrei voluto vincesse: 12 anni schiavo
Chi ha vinto: 12 anni schiavo, evviva.

CDGA – EXCELLENCE IN FANTASY FILMr11The Hobbit: The Desolation of Smaug – Ann Maskrey, Richard Taylor, Bob Buck
The Hunger Games: Catching Fire – Trish Summerville
Oz: The Great and Powerful – Gary Jones, Michael Kutsche

Chi avrei voluto vedere tra le nomination: le tutine di Star Trek into darkness.
r12
Chi avrei voluto vincesse:
Non ho visto the Hobbit ma se tanto mi dà tanto direi che il lavoro sui costumi è un proseguimento di quello per il signore degli anelli, che sappiamo a memoria. Oz era anche abbastanza interessante, ma non spettacolare al livello di Catching Fire.
Chi ha vinto: Catching Fire, evviva.

CDGA – OUTSTANDING CONTEMPORARY TELEVISION SERIES
r13

“Breaking Bad” – Jennifer Bryan
“House of Cards” – Tom Broecker
“Nashville” – Susie DeSanto
“Scandal” – Lyn Paolo
“Saturday Night Live” – Tom Broecker, Eric Justian

Chi avrei voluto vedere tra le nomination:
r14

The Mindy Project: Mindy è sempre strafiga e stilosa anche senza essere la classica bona mingherlina.
Girls: vorrei tutto il guardaroba di Marnie, più o meno.
Revenge: Nolan Ross, awww.

Chi avrei voluto vincesse:
Saturday Night Live, perchè personalmente il mio lavoro è molto simile a quello che fanno là e piacerebbe vederlo riconosciuto, o Breaking Bad, perchè di sì (non dite niente, lo so, lo so. prima o poi la scrivo, la tesi sui costumi di Breaking Bad). Nashville si è dato una raddrizzata rispetto alla prima stagione dove ogni singolo personaggio indossava sempre e solo stivali da cowboy, soprattutto Juliette che è meglio caratterizzata negli ultimi episodi, e mi piace lo stile di Scarlett, mentre devo dire che anche se tutti parlano di Scandal e del suo stile impeccabile i costumi non mi hanno mai impressionato in senso positivo, begli abiti e bei colori, sì, ma nulla di nuovo, trovo i costumi noiosi quanto la serie. Opinioni, ma secondo me la Casa Bianca la fanno meglio in House of Cards.
Chi ha vinto: House of Cards, infatti.
Due cose: il vestito bianco di Zoe Barnes e il vestito nero di Claire Underwood. Strameritato.

CDGA – OUTSTANDING PERIOD/FANTASY TELEVISION SERIES

r15

“Boardwalk Empire” – John Dunn, Lisa Padovani
“The Borgias”– Gabriella Pescucci
“Downton Abbey” – Caroline McCall
“Game of Thrones” – Michele Clapton
“Mad Men” – Janie Bryant

Chi avrei voluto vedere tra le nomination: Masters of Sex, senza nulla togliere a quelle nominate.
r16Chi avrei voluto vincesse: Game of Thrones e i jeggins di Danaerys
Chi ha vinto: Downton Abbey. Ci sono degli abiti per cui metto in pausa e mando indietro per fare le foto alla tele, per dire, quindi bella.


CDGA – OUTSTANDING MADE FOR TELEVISION MOVIE OR MINI SERIES

r17

“American Horror Story: Coven” – Lou Eyrich
“Behind the Candelabra” – Ellen Mirojnick
“Bonnie & Clyde” – Marilyn Vance
“House of Versace” – Claire Nadon
“Phil Spector” – Debra McGuire

Ho visto solo Phil Spector, ma vabè (su American Horror Story sono rimasta indietro). Mi hanno parlato bene anche di House of Versace che mi incuriosisce parecchio. Ha vinto Behind the Candelabra, che comunque avevo già intenzione di recuperare.

CDGA – EXCELLENCE IN COMMERCIAL COSTUME DESIGN

Call of Duty “Ghosts Masked Warriors” – Nancy Steiner
Dos Equis: “Most Interesting Man in the World Feeds a Bear” – Julie Vogel
Fiat “British Invasion” – Donna Zakowska

Lo spot delle Fiat che fanno trasformare le paesane in milanesi all’aperitivo mi ha fatto molto ridere, ma ha vinto Call of Duty, lavorone.

Detto questo, domani sera se non muoio di sonno o di terrore al prospetto della giornata successiva (mi aspetta un lunedì che tutti gli altri lunedì in confronto sembrano pasquette) potrei anche dedicarmi alla logorroica pratica del live-tweeting; da queste parti si tifa quasi sempre per 12 anni schiavo e Dallas Buyers Club ma soprattutto #TEAMLEO. In un mondo ideale, Raffaella Carrà e le sue spalline chiamerebbero Sorrentino sul palco come la Loren con Benigni.
Daje.

tu che ne pensi?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s