Lo chiamavano Jeeg Robot: i costumi raccontati da Mary Montalto

54353_ppl

Dopo aver visto Lo chiamavano Jeeg Robot avrei voluto dire e scrivere un milione di cose. Ma ehi! ho aspettato a scrivere, primo un po’ perchè sicuro tutti avrebbero avuto da dire delle cose più intelligenti, (e puntualmente, eccole) secondo ero in attesa di Contributi Esclusivi Bellissimi Che Trovate Più Avanti.

Diciamo che avevo l’aspettativa abbastanza alta, perchè sono una fan delle persone che provano a fare qualcosa di diverso, ma sono rimasta comunque spiazzata da quanto è stato entusiasmante.

Pensando alla premessa, una storia di supereroi a basso budget ambientata nella periferia romana, quanto poteva essere alto il rischio che fosse una baracconata? E invece no, non è baraccone per niente, è un film divertente e emozionante, che riesce a essere credibile e vero in ogni scena anche con l’elemento fantastico in mezzo, mantenendo comunque un senso d’autore da cinema italiano. E anche nell’andare sopra le righe, il regista Gabriele Mainetti ci mette un equilibrio, una delicatezza da autore affermato che sa calibrare bene momenti esilaranti e momenti durissimi, citazione e invenzione. Cerco di spiegarmi: non c’è bisogno di fare paragoni con i film americani, è proprio una cosa diversa. E nel suo essere una cosa diversa, funziona, e funziona bene. Perchè i film con gente buona e complessa che ottiene dei superpoteri e cerca di salvare il mondo (partendo dagli Stati Uniti, ovviamente) sono divertenti, ma ne abbiamo visti tanti. Ma film di gente moralmente dubbia che ottiene dei superpoteri e li usa per disfare un bancomat? o per fermare un tram sollevandolo? o di gente che vuole tantissimo dei superpoteri per avere più visualizzazioni su YouTube? eh? appunto*.

lcjr_SANTAMARIA

E se per rendere credibile e viva questa storia quel figo di Mainetti ha scelto tre attori altrettanto fighi, eccezionali, e meritatamente candidati ai David di Donatello (Luca Marinelli una spanna sopra gli altri, mi perdoni Santamaria**), il film di candidature ne ha raccolte 16, a dimostrazione che quando una cosa è fatta bene, si vede. E io spero ne vinca tantissimi***.

Perchè, per quanto si tratti di un film di supereroi fatto in Italia, e in parte mi spiace anche usare quest’espressione perchè oltre a questo, che certo è l’aspetto più eclatante, è anche, soprattutto, un gran bel film, esattamente, pur andando sopra le righe, pur esagerando nella sospensione dell’incredulità, non finisce mai nella baracconata. E’ tutto raccontato come una storia vera e credibile, e sembra vera e credibile. Da Santamaria in mutande che mangia yogurtini guardando porno, a[SPOILER]ll’idea che se in Italia vuoi “fare il botto” devi andare a parare sullo spettacolo becero in televisione prima e sul derby poi, tutto è incredibilmente reale. Questa è una storia di supereroi, o meglio, persone con dei superpoteri, ambientata nella periferia di Roma e che non potrebbe essere ambientata altrove****. E tutto ha una coerenza visiva perfetta, che non arriva mai all’esagerazione. E io penso che sia stato un lavoro di gruppo eccezionale, con una splendida visione di insieme che un personaggio poliedrico come Mainetti ha trasmesso a chiunque abbia fatto parte del cast e della crew, e il film è bellissimo e io quando vedo che queste cose strepitose le sa fare anche il cinema italiano mi prendo bene.

E visto che io quando vedo delle cose fichissime mi partono i cuoricini e l’entusiasmo, sono riuscita a scambiare qualche mail con la costumista del film, Mary Montalto, che mi ha parlato del suo lavoro per questo film, di verità, di coerenza e… maglia.

I supereroi di solito arrivano al cinema dopo anni di fumetti e in qualche modo con un’immagine chiara per il pubblico. In questo caso, partendo da zero, quali sono state le ispirazioni per i personaggi? quanto c’è degli attori che li interpretano nei loro costumi?

MM: Il lavoro del costumista è quello di permettere all’attore di calarsi anche fisicamente in un ruolo. Deve sentirsi a proprio agio nel costume di scena per poter credere, lui per primo, al personaggio che interpreta e che, quasi mai, gli somiglia. È un lavoro di squadra, anche con truccatori e parrucchieri, e prima di tutto insieme al regista. In questo caso Gabriele Mainetti è stato molto presente e decisivo. La linea che ha ricercato è stata sempre quella della verità. Aveva bisogno di una rappresentazione sincera della realtà contemporanea per poter svolgere il compito più difficile: sospendere, solo con la forza della sua storia, l’incredulità dello spettatore. Enzo Ceccotti diventa supereroe suo malgrado, non ha un costume pronto nell’armadio da indossare per l’occasione, è un piccolo delinquente che somiglia di più al teppista di strada. Ha jeans e felpa scura perché sono pratici e si notano poco e lo scaldacollo di pile perché va in motorino e ha bisogno di stare caldo. Indumenti che si trovano ovunque, dalla boutique alla bancarella, e che tutti indossano, più o meno giovani, più o meno ricchi. Da questa aderenza alla realtà, ricercata in tutto il film, e’ poi la sceneggiatura che riesce a convincere lo spettatore che quell’uomo comune è davvero un supereroe.

LCJR_DSC_0726

Il fatto che la storia sia ambientata in una parte quasi estrema di Roma mi ha fatto pensare in alcuni punti a delle somiglianze con i fumetti di Zerocalcare, per esempio, o con i personaggi di Sollima. Non sono mai stereotipi nè caricature. Qual è stata la parte più difficile nel rendere credibili gli aspetti fantastici della storia?

Nel mio immaginario Enzo Ceccotti, con il suo cappuccio nero, scegliendo il Bene al posto del Male, passa dall’essere un potenziale Black Bloc a diventare un romanissimo Obi Wan Kenobi. Naturalmente ci sono i gusti personali (nel mio caso senza dubbio Zerocalcare!), ma i riferimenti collettivi sono importanti, viviamo in un mondo fatto di immagini.

IMG_5900

Per il personaggio dello Zingaro ci siamo posti gli stessi interrogativi. Che gusti potrà mai avere un ragazzo cresciuto in borgata, in un canile semi buio, con la TV sempre accesa, che sogna di diventare famoso apparendo in qualche show televisivo pieno di luci e pajettes? Anche il suo soprannome (zingaro) era importante… Per aderire il più possibile alla realtà, ho girato i negozi della periferia romana da Ciampino alla Tiburtina, poi ho rimescolato le suggestioni che mi dava il regista (dal fumetto Manga “Lupin III” al film “Amores Perros” di Inarritu e “Old boy” di Chan-Wook), e ho aggiunto la mia passione per certe forme e colori che desideravo essere senza tempo. Le prove costume con Luca Marinelli (lo Zingaro) sono state le più lunghe e laboriose, e ricercare la semplicità e la credibilità contemporanea in un personaggio così elaborato non è stato facile. A differenza di Enzo Ceccotti, che non ha un costume da supereroe nell’armadio, lo Zingaro ce l’ha eccome ed è il costume che usa per esibirsi cantando nei localacci romani: per effetto della narrazione il costume indossato per interpretare Anna Oxa in onore dei napoletani diventa la sua divisa da supereroe al servizio del Male. 

IMG_6495

IMG_6500

Il disegno di quella giacca (cucita identica anche per la controfigura), è nato da una commistione di immagini “luccicanti” da Renato Zero a David Bowie a Gary Glitter (un cantante inglese pop-glam degli anni ’70 che cantava “I’m the leader of the gang”….), poi il pantalone aderente e lo stivaletto da ballerino di Flamenco che avevano a che fare col suo soprannome di “Zingaro” e la giacca aperta con tanto di tatuaggio di chi ama mostrarsi e apparire. Il guanto punk di pelle nera è invece un omaggio alla coraggiosa esibizione di Anna Oxa con lo stesso pezzo al Sanremo del 78.

FullSizeRender

Per la romantica, fragile e stralunata Alessia, il punto di partenza è stato sempre lo stesso: la verità. Ho preso i suoi costumi di scena dove avrebbe potuto comprarli lei, nei negozi sotto casa a Tor Bella Monaca, ho speso i soldi che avrebbe potuto spendere lei, dalla bancarella al cinese, col gusto un po’ naïf di una ragazza cresciuta ma rimasta bambina, ricercando nei colori il suo immaginario manga del cartone Jeeg Robot, scegliendo tinte accese dal giallo al fucsia  fotografate magistralmente dal DOP Michele D’Attanasio). L’abito da Principessa che tanto sogna, alla fine lo trova proprio in un negozio di Cosplay e infatti il disegno si ispira a quel mondo, con un pizzico di Cenerentola alla Disney. Per quell’abito, anche quello confezionato in doppia copia per le scene d’azione, ci sono voluti metri e metri di tulle e la perizia della nostra straordinaria sarta.

FullSizeRender IMG_6503 IMG_6368

(comunque la domanda che tutti stavate aspettando, ne sono certa, è la seguente)

come è nata l’idea della maschera fatta a maglia? E soprattutto chi l’ha realizzata? Applausi.

MM: L’idea della maschera fatta a maglia era già in sceneggiatura, raccontava il personaggio di Alessia, la sua passione per Jeeg Robot, l’amore per Enzo, il modo in cui vedeva il mondo, la sua fiducia nella vita nonostante tutto. La realizzazione doveva tener conto di tutto questo e rappresentarlo fedelmente. Non è stato semplice. Dopo aver fatto lo studio del disegno, ho cercato i materiali scegliendo vari tipi di filati, dal cotone alla lana, al laminato, con vari tipi di pesantezze, come se fossero avanzi da vecchi gomitoli riciclati, ma restando fedele ai colori originali di Jeeg Robot. La ricerca di un’artigiana disponibile a imbarcarsi in questa impresa mi ha portato in giro per tutta Roma, per poi arrivare, ormai disperata, molto più vicino a me di quanto non pensassi possibile, da una curiosa e gentile signora inglese trapiantata a Roma, ormai ottantenne, che ha accettato l’incarico senza batter ciglio. C’è voluta tutta la sua pazienza per mettere insieme le nostre idee, montare e rismontare il lavoro a maglia varie volte per ottenere il risultato che soddisfacesse per primo il regista. (Grazie mamma!).

IMG_6488 IMG_6369 IMG_6417

Vi riporto anche la conclusione di Mary, che in poche righe riesce a riassumere la bellezza di fare questo lavoro, sperando di vedere realizzate sempre più spesso delle belle idee come quella di Mainetti.

Tutto sommato credo di poter dire che l’intero lavoro, per quanto mi riguarda, è stato, come per il funambolo, un equilibrio precario tra la realtà più cruda e un paese delle meraviglie inventato. Essere arrivati dall’altra parte senza cadere giù dalla fune mi pare un gran risultato“.

Altre cose bellissime, random: i disegnini sul muro, il proiettore, gli yogurtini, la sigla cantata da Santamaria himself, “ma tu chi sei? Hiroshi Shiba”, il/i balletto/i dello Zingaro, tutte le interviste di Mainetti in cui si vede che si è divertito un casino.

Vedere al cinema Lo chiamavano Jeeg Robot è stata un’emozione davvero non da poco. Davvero in tempi recenti mi è capitato poche volte di essere così entusiasta di aver visto un film. E se non l’avete ancora visto, andateci di corsa. Prendete in prestito un motorino, se vi serve.

Grazie a Mary Montalto per il testo e le immagini, e a Goon Films per la disponibilità.

gli asterischi:

*ci sarebbe da fare tutto un discorso lungo e articolato sul fatto che di gente che prova a fare del cinema in Italia che non sia il solito Prestigioso Cinema Italiano D’Autore o la Commedia Caciarona Italiana Da Multisala, ce n’è, e ci provano, e la linea, con tutto l’affetto, non va verso Salvatores e il suo Ragazzo Invisibile ma verso la generazione di Mainetti, vorrei sperare. Le idee ci sono, vorrei tanto tanto che venissero prodotte più spesso. C’è gente più qualificata di me per parlarne, io mi limito a parlare di costumi, ma per dire: pure Perfetti Sconosciuti era intenzionalmente interessante, ma poi c’era di nuovo la moglie isterica, l’amico infame, la Rohrwacher che faceva le faccette. mi limito a dire: Un altro percorso esiste.

**Esistendo in questo post una vera e propria intervista ottenuta grazie alla segreteria di Goon Films cercherò di essere seria e fare uno sforzo per non commentare quanto è incredibilmente bono Santamaria in questo film anche se pesa cento chili e non si capisce quando parla (eh, io sono milanese), però avete visto anche voi vero che manz- Ecco, niente, vabè.

***Aiutatemi a riassumere “Lo chiamavano Jeeg Robot è il Mad Max Fury Road del 2016” in un hashtag più abbreviato.

****Voglio dire, anche Deadpool, che pure quello è un film Marvel anomalo nel suo rompere continuamente la quarta parete, anche se inizia in tuta e decide che il costume deve essere rosso perchè se no si vedono le macchie di sangue, che forse è l’unica volta che si sente spiegare effettivamente una scelta di costume in un film Marvel, alla fine la sua tutina da supereroe ce l’ha pure lui.
Enzo Ceccotti invece ha le scarpe di camoscio e si taglia un piede.

tu che ne pensi?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s