The Danish Girl

C’è un’inevitabile fortissima connessione tra personaggio e costume, tra abbigliamento e identità, in “the Danish girl”, di Tom Hooper, versione romanzata della storia di una delle prime donne transgender della storia nei rigidi anni 20 dell’Europa del nord.

Eddie Redmayne vuole un altro oscar! Infatti, dopo averlo già vinto con una storia di trasformazione l’anno scorso con La teoria del tutto, a questo giro interpreta Einer Wegener, pittore danese che realizza di essere in realtà Lili, una donna intrappolata nel corpo sbagliato, e, accompagnato dalla moglie Gerda, artista esordiente che resta al suo fianco nonostante le difficoltà nell’accettare i cambiamenti, riesce a “liberarla”, diventando una delle prime persone nella storia a subire un intervento chirurgico per cambiare sesso.

Continue reading “The Danish Girl”

Mad Max: Fury Road

Non sono tanto indietro da aver visto questo film solo adesso, anzi ho avuto il piacere di vederlo più e più volte (FILM DELL’ANNO 2015 SCUSA STAR WARS). Se non ne ho scritto fino ad adesso è perchè ci sarebbe così tanto da dire sull’immaginario di Miller che scrivere solo di questo film mi sembra quasi riduttivo.

Continue reading “Mad Max: Fury Road”

Macbeth

Ha un’aria da western, la Scozia in cui Justin Kurzel ambienta questa versione di Macbeth, una fredda terra di confine, selvaggia e povera. Un cielo color nebbia e i toni spenti del paesaggio stabiliscono il clima, e Jacqueline Durran realizza i costumi severi che rendono ancora più spettrale e gelida la tragedia di Macbeth e signora.

Continue reading “Macbeth”

Cinderella

Prendi LA favola per eccellenza, ci fai l’ennesimo film – quanti film di Cenerentola ci sono in giro, seriamente? – e per farne un restyling coerente e innovativo allo stesso tempo ne affidi i costumi a Sandy Powell. Bonci, bonci, bo bo bon. Ti piace vincere facile, Disney. 3 Oscar, per dire. La trama del film segue quasi esattamente quella del cartone animato, mentre il design dei costumi, anche se con alcuni richiami più o meno volontari al design originale, è una bella novità.

Continue reading “Cinderella”

Maleficent

Tanti anni fa facevo da babysitter a due bambini con cui guardavo circa quattro film Disney a settimana: la bella addormentata nel bosco era quello che non sceglievano quasi mai perchè erano terrorizzati dalla strega. Adesso non mi ricordo molto bene se nel cartone animato originale ci sia mai un riferimento a Malefica come “la strega”, ma ehm, da piccola, faceva paura anche a me.

La prima cosa che mi ha stupito di Maleficent (Robert Stromberg, 2014), quindi, è che mentre il materiale promozionale del film era molto chiaro nello stabilire un legame con l’immaginario del cartone animato, la prima immagine di Maleficent bambina ci tiene a stabilire il contrario: questa qui ha le corna e le ali da drago, ma è una fata. Fata. Senza petali in testa e vestiti di fiori colori pastello, senza ali da farfalla.

young_maleficent_stand bb1505_ddl_v1116_grd02.1150.jpg

Quello che si nota immediatamente dei costumi di Maleficent sono le textures: pelle e ossa e semi e elementi tutti legati ai boschi e alla natura, sia nei materiali che nei colori (sono stati utilizzati, oltre che pelli vere, denti e ossa autentiche). La scelta piuttosto scontata di evolvere i colori verso il nero in parallelo con la crescita del personaggio mi ha ricordato quella fatta per Charlize Theron in Biancaneve e il cacciatore, altra cattiva Disney rielaborata per il cinema con gli attori.

Oltre che nei colori anche con questo personaggio infatti le strutture diventano più scolpite e rigide, fino al pre-finale con dei pantaloni da Catwoman (faccio parte di quella generazione che se vede dei pantaloni di pelle pensa immediatamente a Catwoman, e la colpa è di Tim Burton). Fino a quel momento la silhouette di Maleficent rimane più o meno la stessa, con i mantelli lunghi a sostituire le forme delle ali, mentre nella battaglia finale Maleficent rivela le sue vere forme e il suo ruolo animalesco e selvatico.

finale1 finale2 finale3

Tra i cambi di Angelina Jolie devo dire che quello che più mi è piaciuto, banalmente, è quello che indossa nella scena in cui si imbuca al battesimo per regalare la sua maledizione alla neonata Aurora: che tutti i costumi siano basati su quell’immagine creata a suo tempo da Marc Davis, con quelle corna lunghe e i mantelli lunghi, e quei colli così vistosi, è chiaro per tutto il film, ma è in questa scena che si vede con più chiarezza.

l43-malvagi-walt-disney-130702154753_big article-2623624-1DAD918D00000578-251_634x441_zpscd7191fe MTE5NTU2MzIxMjkxMzcyMDQz MTE4MDAzNDE1NjE4MDYxODM4

cioè, quel mantello sembra di pelle plissettata. Wow. Perché a differenza degli abiti rigidi e chiusi di Charlize Theron in Biancaneve e il cacciatore, nonostante la drammaticità delle strutture e il peso dei materiali, tutti gli abiti di Jolie sono molto movimentati, fino a sostituire le ali perdute (scena preferita: Angelina che prende a schiaffoni l’esercito del re).

MALEFICENT disney-maleficent-costume

I mantelli sono sempre drammatici, aggiungono a qualsiasi personaggio una gestualità di mistero e fredda eleganza (avete mai provato a muovervi con un mantello?), ma nelle scene in cui Maleficent gira per i boschi cercando di salvare Aurora e crescerla “nonostante” le tre fatine, sembra anche che lo usi come autodifesa, uno schermo per non mostrare alla ragazza chi è veramente.

maleficent_costume_7

Un altro pezzo che ho trovato strepitoso è il turbante di pelle di serpente, molto azzeccato rispetto al momento in cui viene indossato. Ma la cura dei dettagli è eccezionale sotto ogni aspetto, e si perderebbe la testa a studiare ogni anello, ogni scarpa o ogni pezzo (le unghie con l’interno rosso come delle scarpe di Loboutin!).

MTIxNDI3MjkyODcwNTEwMDkz jolie-costume-4 maleficent-collar disney-maleficent-costume-2 MALEFICENT

Le corna, i copricapi e gli abiti del personaggio di Maleficent, soprattutto i mantelli e le loro decorazioni sono dove si perdono un po’ i credits del film; la firma, e la nomination all’Oscar (abbastanza scontata) sono di Anna B. Sheppard e Jane Clive , ma nei titoli di coda che scorrono (sotto Once upon a dream cantata da Lana Del Rey, awww) c’è una sezione dedicata a “Maleficent Costume”: cercando informazioni, secondo alcune fonti è stata Jolie stessa a scegliere e mettere insieme i designers del Maleficent Team (Rob Goodwin, creatore di cappelli haute couture, Manuel Albarran, designer concettuale di corsetteria e pelle, e il modista Justin Smith); secondo altri articoli sono stati selezionati da Sheppard. Un altro articolo addirittura cita solo ed esclusivamente Manuel Albarran come costumista senza alcuna menzione a Sheppard; ancora, Harper’s Bazaar intervista Oliver Garcia come costumista. Da quello che ho capito io, Sheppard è arrivata sul progetto con sole otto settimane di preparazione per l’intero cast, e mentre gestire i costumi per un film così ambizioso a livello di immagine è sempre e comunque un lavoro di squadra, ed è chiaro che la paternità di ogni pezzo sia discutibile, quello che emerge abbastanza nettamente dalle varie fonti già nominate è che Angelina Jolie ha contribuito particolarmente in prima persona alle scelte nel design e nella preparazione dei suoi costumi (del resto quando una è spesso la regina dei red carpet, una o due cose sul look le sa), in particolare sul numero di cambi e sul trucco speciale che accentuasse i suoi lineamenti, cosa che all’inizio il team del trucco non si era azzardata a proporre.

62532503201402181953242404853786541_006 maleficent536acd1b86f90

La creazione di due mondi così diversi come il regno delle fate e il regno umano, nel quale si avvicendano due corti diverse, la prima molto basata sul rosso e l’oro in termini di colori e materiali, la seconda più buia e cupa, che passa dal blu al nero, e al ferro, seguendo l’evoluzione di Stefan, trova una singolarità nei costumi di Aurora (Elle Fanning), che invece non richiamano per nulla i riferimenti del cartone animato:

aurora1959

noxSquare Aurora-in-The-Moors-maleficent-2014-37168478-640-266

Se Marc Davis aveva creato per l’Aurora disegnata delle forme a clessidra da Audrey Hepburn e quel bizzarro abito con la scollatura scesa oltre le spalle, per Sheppard è fondamentale che in questa versione della storia Aurora sia legata al mondo dell’innocenza, alla sua crescita nella campagna circondata da boschi, animali e creature fantastiche. I suoi vestiti sono probabilmente cuciti e confezionati dalle tre fate matte, quindi tutti i tessuti sono naturali, e i colori chiari e sbiaditi, apparentemente tinti a mano, sottolineano sia il suo legame con il mondo delle fate, sia la sua estraneità alla corte e alla sua oscurità. Sparito anche il cerchietto, che Sheppard avrebbe voluto sostituire con delle corone di fiori e semi artigianali, saltati in fase di preparazione. Le maniche sono sempre lunghe quasi a coprirle le mani e le forme sono ispirate agli abiti rinascimentali di corte.

538cfd779f1b77a839307fff_aurora-4

Nel momento in cui incontra Maleficent, anche Aurora indossa un mantello molto simile a quello indossato dalla fata nella scena in cui perde le ali, come se vedendola potesse ricordarsi di quel tempo di innocenza prima che le azioni di Stefan la rendessero cattiva. Il richiamo in termini di colore c’è anche nell’abito oro scuro che Maleficent indossa quando cerca di liberare la ragazza dalla maledizione.

maleficent-255x235Sapete che le nomination agli Oscar mi lasciano sempre… annoiata rispetto alla banalità delle scelte, e come previsto Maleficent la nomination per i costumi se l’è presa. L’unica, perchè non ce l’ha invece per Make Up & Hairstyling, che invece è un peccato (dettagli sul trucco, le protesi e le corna magnetiche qui). Certo questo film ha dei costumi spettacolari nel senso più letterale del termine, e pensare che sono stati preparati in otto settimane aggiunge valore al lavoro di Sheppard e del suo reparto. Non ho ancora visto tutti i film candidati per i costumi, ma per ora io tifo per Milena Canonero e Grand Budapest Hotel, che spero vinca TUTTO.

immagini ©Disney 2014

Orphan Black

Ogni volta che vedo Orphan Black finisce che mi chiedo: ma la Tatiana Maslany, ce le avrà ogni tanto delle pause? Quanta gente le sta dietro per ricordarle quale personaggio deve fare? Finisce che me lo chiedo, nel senso che me lo chiedo quando l’episodio è finito perchè durante la visione tendo a dimenticare che è sempre la stessa attrice a fare cinque/sei ruoli di cui alcuni sono pure Helena che si spaccia per Sarah che si spaccia per Beth, o Alison che si spaccia per Sarah, o viceversa. Posso dire che la BBC è il meglio del meglio del meglio, anche quando lavora in America?

Continue reading “Orphan Black”

Captain America – The Winter Soldier

 

Intanto, ma il titolo? Vedi un trailer con una scena (già vista parecchie volte, tra l’altro) di un cattivone che ferma il traffico (apro una parentesi su QUANTA GENTE A CASO MUORE IN QUESTO FILM), maschere braccia metalliche eccetera, lo metti nel titolo, e poi: uno, il cattivo principale in realtà è Robert Redford (per esclusione) e i nazisti*, due, il cattivo figo non è poi così figo. Continue reading “Captain America – The Winter Soldier”

Rush

Bentornati alla rubrica “pettorali che parlano da soli”, detta anche “grazie casting director”. Forse ci voleva Chris Hemsworth per convincermi a vedere un film sulla Formula Uno, per di più di Ron Howard, ma devo dire che Rush mi ha piacevolmente sorpreso. Per quanto parziale il racconto dei fatti sia stato, infatti, ho trovato il film parecchio divertente e bello da vedere.

Continue reading “Rush”

Il Grande Gatsby

“Che cosa facciamo dopo pranzo?” Esclamò Daisy. “E che cosa facciamo domani? E nei prossimi trent’anni?”. Carey Mulligan interpreta il personaggio di Daisy in modo struggente e fa giustizia a quello che forse è il più grande romanzo della letteratura americana. Quando parla di sua figlia, dicendo “spero che sarà stupida: è la miglior cosa che una donna possa essere in questo mondo, una bella piccola stupida”, si capisce la sua profonda depressione: Daisy non è stupida, è stata educata dalla nascita per essere una cosa sola, un’affascinante e vivace moglie-oggetto, e lei ha raggiunto quell’obiettivo intorno ai 17-18 anni, da lì in poi è tutta una discesa.  E ancora, con Nick, quando gli dice, ho visto di tutto, ho fatto di tutto, ed è tutto terribile. Continue reading “Il Grande Gatsby”