Carol, un punto di rosso

Sono uscite le nomination agli Oscar di quest’anno, e se la cinquina può considerarsi abbastanza scontata come al solito (film d’epoca e fantasy), ho trovato abbastanza sorprendente che comprenda due film a firma della stessa costumista, già vincitrice di tre Oscar (per Shakespeare in Love, the Aviator e the Young Victoria): Sandy Powell, nominata sia per Cinderella (vedi qui) che per Carol.

Continue reading “Carol, un punto di rosso”

Cinderella

Prendi LA favola per eccellenza, ci fai l’ennesimo film – quanti film di Cenerentola ci sono in giro, seriamente? – e per farne un restyling coerente e innovativo allo stesso tempo ne affidi i costumi a Sandy Powell. Bonci, bonci, bo bo bon. Ti piace vincere facile, Disney. 3 Oscar, per dire. La trama del film segue quasi esattamente quella del cartone animato, mentre il design dei costumi, anche se con alcuni richiami più o meno volontari al design originale, è una bella novità.

Continue reading “Cinderella”

Blue Jasmine

article-2430992-183C7CC200000578-806_634x454 …Voi quante ne avete, di sorelle che vi comprerebbero una Baguette di Fendi con nonchalance? Per me la scena di Blue Jasmine che meglio definisce il rapporto tra Jasmine (Cate Blanchett) e la sorella Ginger (Sally Hawkins) è proprio quella del flashback: non è che Ginger sia una ignorante che non ha mai sentito nominare le grandi firme, ma si rende perfettamente conto di non potersele permettere, come che non userebbe mai una Baguette di Fendi come si deve. Continue reading “Blue Jasmine”