The Runaways

Girls don’t play electric guitars è il concetto che le giovani Runaways vogliono ribaltare. Los Angeles, anni 70, l’adolescente Joan Jett e il gruppo di sole ragazze non creano una rivoluzione di moda o di stile ma soprattutto di un modo d’essere: ti faccio vedere io se le ragazze non suonano la chitarra elettrica.
Il film del 2010 è di Floria Sigismondi, una che di musica ne ha vista parecchia trasformandola in immagini evocative come pochi altri sanno fare, e anche in questo caso riesce a farne un racconto non banale e suggestivo.

Continua a leggere

Madonna, Girls gone wild

http://www.eonline.com/static/videoplayer/platform_players/swf/CEGDynamicPlayer.swf

A Madonna basta un video solo per chiarire che:
1.per gridare al mondo “icona GHEI” non c’è bisogno di tanti fronzoli ma basta tornare alle care vecchie basi: uomini in collant e tacchi alti
2.Beyoncè, con il concetto di “video b/n” e coreografia si può fare molto di più
3.Con il fisico di Madonna ci si può mettere addosso un po’ di tutto, anche quasi niente
4.Catene in controluce.
5.Anche se gli americani sono notoriamente dei rompipalle, ci devono essere dei cavilli per cui Madonna riesce a mettere sigarette accese, pistole in bocca e corone di spine nello stesso video.

Appena ne scopro qualcosa di più parliamo della t-shirt spalmata e del giubbottino con scritto MDNA.
(via E! online)

Arctic Monkeys – R U mine?

Mi sembra giusto fare coming out anche in questa sede e ammettere che non riesco a smettere di guardare questo video.
Il singolo viene fuori dal nulla, ha un video pazzesco, gli occhiali da sole di notte, le americanate, e soprattutto è un pezzo con la droga dentro.
(sono anche in un gruppo di rehab su facebook)

Gente inglese for the win.

continua a leggere

Così tamarro che ha fatto il giro: Robbie Williams

Oggi inauguriamo questa nuova rubrica per la gioia di tutti e tutte: “Così tamarri che hanno fatto il giro e diventano sublimi” vuole essere uno spazio dove mandare a quel paese qualsiasi concetto di stile e eleganza canonica per apprezzare soggetti che con lo stile e l’eleganza non hanno quasi nulla a che fare.
E non intendo gente come David Beckham che è tamarro ma figo quindi i meglio stilisti gli lanciano i vestiti addosso credendolo un’icona della moda mentre in realtà resta un tamarro, né Lapo Elkann che crede di essere elegantissimo e stizzoso (ma chi gliel’ha detto?): no.
Qui si parla di gente che non gliene può fregare di meno.
I tamarri espliciti.
Quindi quale miglior scelta per l’inaugurazione di questa rubrica se non lui, il supremo capo imperiale delle canotte, Robbie Williams?
(sì, un sacco di foto)

continua a leggere

Madonna: “Every record sounds the same”

Quello che dicono sempre tutti di Madonna si può riassumere in: non è particolarmente bella, non è particolarmente sta gran cantante né sta gran ballerina, però ha saputo costruirsi.
Quello che dico di solito io si può riassumere in mecojoni.
Se vi siete persi quella cosetta del Superbowl Halftime Show (per cui Givenchy le ha creato gli abiti e Miu Miu quella meraviglia di stivali), sulla cui awesomeness vi consiglio di leggere i commenti della mia amica signora maria, quello che posso dirvi è solo che Madonna ha quasi l’età di mia mamma, sul palco sembra divertirsi un sacco, e quando le hanno chiesto del famoso pezzo di Lady Gaga ha risposto elegantemente “qualche volta l’ho sentita alla radio”. Dicono che in questo nuovo video Madonna è un po’ troppo autocelebrativa: e chi dovrebbe celebrare, una così, se non se stessa?

continua a leggere