Reset

nel 2016 ho visto tante cose, ma ne ho fatte anche moltissime e questo è il motivo per cui questo blog non solo non è stato aggiornato da un pezzo, ma proprio ci ho pensato pochissimo. In compenso vedo che vive di vita propria anche se non lo apro (sarei curiosa di sapere se poi tutte le persone arrivate qui cercando il costume di Elsa di Frozen l’abbiano poi realizzato, e com’è andato l’esame di quella che cercava una tesina su Espiazione)
Però ci sono delle cose che ho visto e su cui ho fatto delle riflessioni e mi sembrava brutto buttarle lì così senza un minimo di preavviso, quindi eccovi un bel post di varie e eventuali

Continue reading “Reset”

I premi che contano 2016 (fate vincere tutto a Mad Max Fury Road)

qui è dove con tutta la mia spocchia vi commento brevemente cosa dicono quest’anno le nomination degli unici premi che mi piacerebbe vincere nella vita

(un altro post con le figurine)
(l’anno scorso ho saltato)

I premi del cinema sono le uniche occasioni in cui quelli che non sono nerd o del mestiere sentono nominare le parole Costume Design. Poi vedono ste sconosciute o sti sconosciuti che ritirano la statuetta in velocità e via, dimenticati di nuovo. qui è dove con tutta la mia spocchia vi commento brevemente cosa dicono quest’anno le nomination degli unici premi che mi piacerebbe vincere nella vita. Mi rammarico della scarsità di link ma cercherò di provvedere

Continue reading “I premi che contano 2016 (fate vincere tutto a Mad Max Fury Road)”

Orphan Black

Ogni volta che vedo Orphan Black finisce che mi chiedo: ma la Tatiana Maslany, ce le avrà ogni tanto delle pause? Quanta gente le sta dietro per ricordarle quale personaggio deve fare? Finisce che me lo chiedo, nel senso che me lo chiedo quando l’episodio è finito perchè durante la visione tendo a dimenticare che è sempre la stessa attrice a fare cinque/sei ruoli di cui alcuni sono pure Helena che si spaccia per Sarah che si spaccia per Beth, o Alison che si spaccia per Sarah, o viceversa. Posso dire che la BBC è il meglio del meglio del meglio, anche quando lavora in America?

Continue reading “Orphan Black”

Chi ha vinto, chi vince – un riassuntone sui premi

(un post con le figurine)

Domani ci sono le premiazioni degli Oscar! Sappiamo tutti che non saranno divertenti come i Golden Globes dove si ubriacano tutti, e che a me personalmente l’Academy sta antipatica perchè sembra pensare che i costumi notevoli siano solo nei film d’epoca e che nei film contemporanei non ci sia nessun tipo di lavoro, ma rimane il premio più prestigioso, e che tra Sanremo e canale 5 che mette in onda la Grande Bellezza in anticipo di mesi probabilmente Sorrentino ha passato l’ultimo mese a fare gesti scaramantici, ma tant’è- per prepararvi, un riassuntone di chi cosa perchè e di cos’è successo altrove.

Continue reading “Chi ha vinto, chi vince – un riassuntone sui premi”

#SherlockLives

Sherlock-season-3-Benedict-CumberbatchAdoro Sherlock. E ho trovato l’episodio di apertura della terza stagione davvero divertente e fatto bene, ho trovato molto intelligente il modo in cui hanno gestito il fatto che per due anni i fan della serie non hanno fatto altro che inventarsi teorie su come avrebbero spiegato la finta morte di Sherlock Holmes, così come il budget nettamente più alto concesso alla serie è stato speso molto bene (la mia sarà anche deformazione professionale, ma la BBC è pur sempre una televisione pubblica e per tutta la scena della tube continuavo a chiedermi cosa avessero ricostruito e cosa avessero girato nella tube vera e propria). La cosa forse che aiuta di più la serie, oltre al casting eccezionale, è la durata più lunga del solito, che permette agli autori di espandere argomenti e scene senza dover ricorrere a espedienti frettolosi per chiudere in quaranta minuti tirando tutte le fila. Ho apprezzato anche i rimandi alla fanbase, soprattutto la ragazza che si inventa il finale romantico tra Moriarty e Sherlock. Anche perché vorrei sentire le altre tredici opzioni. 
Insomma, bello.

Continua a leggere

Vestirsi al buio (period edition): Reign

nXsRPoK Ho visto il pilot di Reign solo perchè mi è stato suggerito su twitter e in effetti. Drammone rinascimentale, già nei primi cinque minuti mi pareva già destinato a diventare una soap, e se i costumi mi lasciavano dei dubbi, al minuto circa dieci, con l’apparizione delle amiche fashion bloggers (cit.) ho capito che c’erano grossi problemi di COSE A CASO. L’illuminazione: Reign è un Pretty Little Liars cinquecentesco.

Continua a leggere

Vestirsi al buio (national edition)

Il berretto coi glitter, la giacca (di felpa) con le spalle appoggiate tipo avvoltoio di aldo giovanni e giacomo, i pantaloni da pigiama, la t-shirt con la zip, le scarpe: non è che ci sia molto da dire se non un generico MACCOSA.

(Adriano, qui ti si vuol bene lo stesso, eh)

 

Vestirsi al buio/così tamarri che hanno fatto il giro: Eric Northman in True Blood

E’ passato così tanto tempo dall’ultima volta che ho aggiornato che nel frattempo è ricominciato True Blood!

Fine dell’entusiasmo, perché la stagione finora è noiosissima. Davvero, l’unica cosa degna di nota era Pam con la tuta gialla.
Ma come celebrazione dedichiamoci a uno dei motivi per cui si lascia guardare lo stesso protagonisti di questa serie già celebre per il suo guardaroba alla cieca: Eric Northman. Alexander Skarsgard. Il vichingo badass che ci ha convinto a superare stagioni e stagioni di boiate ricordandoci chi sono i veri vampiri.

continua a leggere

Shameless: brits do it better?

Non ho mai compreso la necessità degli americani di rifare le serie tv inglesi. Capisco la voglia di averci pensato per primi, o il fatto che la lingua british sia difficile da capire per l’americano medio, specie quando non è l’inglese di Oxford ma un brutto periferico accento di Manchester, ma Shameless è una bellissima serie (del 2004 and counting) di cui ho visto le prime due stagioni – piangendo e ridendo tantissimo – soprattutto perché continuavo a sentirne parlare, e di cui mi sono sinceramente chiesta: americani, ce n’era bisogno?
Anche perché dopo il primo episodio ho capito che tutti parlavano della serie americana (del 2011). Della quale mi sono fermata al primo episodio. Segue spiegone.

Nel trasportare la storia della scombinata famiglia Gallagher da Manchester a Chicago gli autori ricalcano esattamente lo stesso script con alcune piccolissime variazioni, eppure il primo episodio non mi ha convinto; mi sono chiesta se fosse perché conoscevo già lo sviluppo della trama e i personaggi, o perché sono generalmente di parte verso qualsiasi cosa venga dal Regno Unito, o perché nella serie inglese uno dei protagonisti è James McAvoy e quella americana è troppo recente e sono tutti ragazzini. La verità è che non mi ha convinto il contesto: se il sistema sociale inglese permette effettivamente di vivere senza lavorare e sopravvivere sui sussidi di disoccupazione, senza entrare nel dettaglio, dagli americani, ehm, non è così. E il remake non mi ha comunicato lo stesso senso di disperata rassegnazione alle frustrazioni della vita che mi aveva subito fatto apprezzare i personaggi inglesi.
Il vivere arrangiandosi dei Gallagher americani sembra strampalato perché inserito in un contesto in cui la sensazione di povertà e bisogno della famiglia è esplicitata da due dettagli, la colletta tra i figli per pagare una bolletta prima, e la menzione poi del fatto che non pagano l’affitto da mesi. Ma nell’aspetto visivo della serie, non sembrano passarsela abbastanza male.

continua a leggere